Ostetricia

L'inquadramento della fecondità nel senso contraccettivo o procreativo è orientato a raccogliere una anamnesi dettagliata indicativa di eventuali controindicazioni o fattori di rischio.

Le prime visite sono sempre più lunghe, portate con voi tutta la documentazione medica precedente, ove disponibile.

Imparate a curare la prima casa del vostro bambino: il vostro corpo. Bambino sano in corpore sano.

Pensate al domani. Non fatevi trovare impreparate.
E' importante in quanto il vostro bambino si sviluppa prima che voi vi possiate accorgere di essere rimaste incinte.

E parliamo della riproduzione non-assitita.
Ricordiamo le norme semplici che consigliano rapporti sessuali non protetti ogni 2-3 giorni (3 volte alla settimana) dopo la mestruazione meglio se mirati nel periodo periovulatorio (iniziando da 4 giorni prima dell'ovulazione).

Nelle donne con ciclo mestruale regolare (ogni 28 giorni) l'ovulazione si colloca all’incirca al 14°giorno del ciclo.
Ai fine di sollecitare una gravidanza desiderata è opportuno avere rapporti sessuali soprattutto in concomitanza di quei giorni.
I giorni precedenti e successivi non sono utili dal punto di vista riproduttivo.

Per Le donne con cicli molto irregolari è sicuramente molto più difficoltoso individuare il periodo ovulatorio.

Acido folico: è suggerita l'assunzione di 400 microgrammi al giorno di acido folico da quando una coppia sospende la contraccezione fino alla fine del primo trimestre di gestazione per ridurre di anomalie malformative del tubo neurale (spina bifida, anencefalo, etc.) fino a 50%-70% e del rischio di aborto spontaneo.

Malattie infettive: è utile escludere la presenza di infezioni in atto e controllare lo stato di immunità per epatite B, epatite C, HIV, sifilide, toxoplasma Gondii e rosolia.

Malattie croniche preesistenti: diabete, anemia, ipertensione arteriosa, etc. necessitano di un stato di compenso indispensabile al concepimento e alla prosecuzione della gravidanza oltre che al benessere fetale.

Controllo dell'alimentazione e del peso: un peso eccessivamente basso o alto interferisce con la fertilità e con la comparsa di eventuali complicanze della gravidanza. Un indice peso corporeo (BMI - body mass index) ideale sarebbe compreso tra 20 e 25 prima del concepimento.
Igiene alimentare, ambietale (fumo passivo, stress) e comportamentale (attività fisica, dipendenze: fumo, alcool, caffeina, abuso di integratori,droghe...).

Visita preconcezionale: il ginecologo prescrive gli esami preconcezionali, controlla le eventuali terapie in atto, consiglia il pap-test, individua rischi, richiede approfondimenti e consulenza genetica là dove indicato (anemia mediterraneea, emofilie, distrofie muscolari, fibrosi cistica, etc.).

L'attività fisica aiuta a controllare meglio il peso, riduce stress, rinforza la muscolatura e indici di performance cardiovascolare; riduce il male di schiena, la costipazione e l'insonnia.
L'attività fisica in gravidanza è priva di rischi in assenza di gravi complicanze (sanguinamenti, minaccia di aborto e/o parto pretermine, incontinenza cervicale pregressa) senza oltrepassare i limiti compatibili con lo stato di allenamento raggiunto prima della gravidanza e con l'epoca gestazionale.

Evitate gli esercizi in posizione sdraiata sulla schiena e il surriscaldamento.

Evitate la sauna, bagni troppo caldi.

Attenzione all'idratazione e alla perdita di sali minerali.

Alimentazione: non mangiate per due. La gravidanza richiede un supplemento di soltanto 300 kcal al giorno.
Aggiungete un bicchiere di latte (calcio e proteine), carne bianca (pollame), frutta e verdura (fibre).

Parliamo di sesso. Non esistono restrizioni alla normale vita intima durante la gravidanza a decorso fisiologico fino all'inizio del travaglio.
Il feto è ben protetto e non risente dalla stimolazione meccanica. I rapporti vengono limitati o sconsigliati in presenza di patologie (minaccia di aborto o parto prematuro, rottura prematura delle membrane, gravidanze plurime, placenta previa, etc.

Evitate i formaggi non pastorizzati, pesce crudo e arachidi (allergie)

Limitare caffè a 1-2 al dì.

Viaggi aerei occasionali espongono a un rischio ridotto di radiazioni.

LIBERATORIA | PRIVACY